Home » luoghi dell'anima » Ho lasciato il mio cuore in Irlanda

Ho lasciato il mio cuore in Irlanda

Ho lasciato il mio cuore in Irlanda

Cliffs of Moher, Irlanda

Oggi il mondo si tinge di verde, del verde d’Irlanda.

Però per molti San Patrizio è come Halloween, una festa di cui non si comprendono le origini ma è buona per far baldoria. Ma non sono solo gli irlandesi a sentir battere un po’ più forte il cuore in questo giorno.

Il piccolo lepricano che alberga in noi

Giovanni Pascoli sosteneva che in ogni persona ci sia un fanciullino, uno spirito sensibile che consiste nella capacità di meravigliarsi delle piccole cose.

Dopo aver messo piede in Irlanda il mio fanciullino si è mutato in un piccolo lepricano: una magica creatura che ha percepito la bellezza dei dettagli della cultura irlandese ed il dolore e la fierezza che quella terra trasuda.

Un’isola meravigliosa abitata da un popolo semplice ed accogliente, un paradiso che generazioni di emigranti hanno lasciato a malincuore: la terra di San Patrizio è intrisa di passione.

La ragazza di Galway, Molly Malone e le donne d’Irlanda

Ho lasciato il mio cuore in Irlanda

I’ve traveled around I’ve been all over this world
Boys I ain’t never seen nothin’ like a Galway girl

L’Irlanda è come una bella donna, che ti ruba il cuore.

Ha l’aspetto della ragazza di Galway dagli occhi azzurri e dai capelli neri che ti strega con il suo sorriso innocente.

Ti ammalia con la sensualità di Molly Malone che spinge il suo carretto e che ammicca mentre passa.

Ti seduce e ti lascia come ricordo il retrogusto amaro del fondo di una pinta di birra scura.

Il pub: beer, oysters & craic!

Ho lasciato il mio cuore in Irlanda

Quando entri in un pub in Irlanda, comprendi lo spirito della public house; la tua comfort zone si estende subito a tutto l’ambiente circostante e ti scrolli di dosso il peso della giornata trascorsa.

La famiglia allargata d’Irlanda si riunisce ogni sera davanti a boccali ripieni di malti scuro, piccoli focolari portatili. La schiuma bianca protegge il nettare che questi contengono per il tempo necessario a condire la bevuta con una chiacchierata.

Anche se chi conosce il craic sa che è il contrario: la birra è solo un lubrificante per aiutare gli argomenti a fluire liberi e per mettere all’angolo la timidezza.

Definire il craic è difficile, bisogna viverlo. Il Cambridge Advanced Learner’s Dictionary & Thesaurus lo definisce come enjoyable ​time ​spent with other ​people, ​especially when the ​conversation is ​entertaining and ​funny: tempo gradevole passato con altre persone, specialmente quando la conversazione è piacevole e divertente.

Quando lasci l’Irlanda il tuo cuore si colora del verde della speranza di poterci tornare: per passeggiare nelle strade di Dublino, perderti nei meravigliosi paesaggi della campagne, sentire il vento che ti sussurra il profumo del mare.

E tu, sei mai stato in Irlanda? Raccontami la tua esperienza nei commenti!

Commenti

Close

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi, mediante cookie, nel rispetto della tua privacy e dei tuoi dati maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi